Prodotti tipici dell'antico borgo di                                    Soncino

Birra Anguana , all'estratto di radice di Soncino



Birra ricavata dalla cotta di cereali e radici di Soncino .
La prerogativa di questa birra, è la mancanza di luppolo, in quanto si è voluto riprendere l'antica ricetta che per migliaia di anni fino all'inizio del 1300 prevedeva la cottura di cereali con aggiunta di radici e erbe aromatiche; Il gusto infatti non offre alcun tono amaro ma un gradevole sapore agrumato leggermente acidulo.

Composta di radici di Soncino



Gustosissima composta di radici di Soncino, si presta ad accompagnare formaggi freschi e di media stagionatura, bolliti, indicata anche con biscotti secchi o crostini .

Radici di Soncino sott'olio con pepe rosa e rosmarino



 Radici di Soncino sott'olio con rosmarino e bacche rosa.
Eccellente antipasto, realizzato artigianalmente con radici di Soncino le quali risultano essere da circa 50 anni l'ortaggio tipico del nostro Borgo Medievale; contorno dal sapore gradevolissimo, con inconfondibile retrogusto amarognolo, che contraddistingue questo fittone.

PROPRIETA' DELLE RADICI DI SONCINO

1 attivano in modo selettivo la crescita nel colon umano di batteri "Bifidus", la cui presenza acidifica l'ambiente intestinale tramite la produzione di acidi lattico ; l'abbassamento conseguente del "ph" impedisce la preliferazione di altri batteri potenzialmente patogeni che causano fermentazione, gas, ecc. 

2 il fruttosiofavorisce l'assorbimento del ferro ed è quindi adatto agli anemici, 

3 _ il saccarosio è insulino dipendente, mentre i fruttozuccheri per essere metabolizzati non hanno bisogno dell'insulina e quindi le radici possono aiutare i diabetici; 

4 il fruttosio per essere assimilato dovrebbe essere sciolto a temperatue di 55- 60° C, quindi pur rendendo gradevoli gli alimenti, non viene assorbito dall'organismo. 

(Dott. Alberto Guidorzi da "L'informatore Agrario" n° 29 del 14/07/94) 

LE RADICI DI SONCINO COMPOSIZIONE

La radice amara contiene sostanze grezze quali: cellulosa lignina, emicellulosa, pectina, la cui mancanza è responsabile di diverse malattie intestinali, cosidette da civilizzazione. 

In particolare tali sostanze sono indicate per stitichezza, rigonfiamento dell'intestino, meteorismo, diabete, ecc.. 

Non considerando le scorie, 100 grammi di sostanza "edibile"di radice contengono: 

- vitamina B1 = mg 4
- vitamina B2 = mg 4
- vitamina B6 = mg 18
- vitamina C = mg 12
- fosforo = mg 76
- potassio = mg 40
- magnesio = mg 23
- sodio = mg 5
- acido nicotinico = mg 2
- ferro = mg 1,5
( dal libro " Wissenchafliche" della Ciba ) 

RICETTE RADICI DI SONCINO
Radici lessate
Raschiare e tagliare a pezzetti o rotelline. 
Ad acqua bollente, aggiungere un po' di aceto e sale ed immergere le radici. 
Dopo un quarto d'ora circa , scolare e condire con un po' di olio e limone; aggingere a piacere, prezzemolo ed aglio tritato. Ottimo contorno di gusto amarognolo, ma gradevole. 

Radici gratinate
Raschiare, affettare e lessare in acqua salata con aceto bianco o limone. Cuocere al dente, scolare e comporre in pirofila imburrata. 
Aggiungere sottilette o fontina e mettere in forno per 15-20 minuti. 

Radici sott'olio
Raschiare, tagliare a pezzetti. 
Far bollire acqua salata ed aceto bianco in parti uguali; mettere le radici nell'acqua bollente e lasciare per 4-5 minuti. 
Scolare e mettere ad asciugare su un panno. 
Riporte in vasetti di vetro e coprirle con olio di oliva, aggiungere a piacere aglio, pepe, alloro e basilico. 
Si possono gustare anche dopo alcuni mesi. 

Radici in bagna cauda
Lessare le radici, quindi condirle con la bagna cauda. 
Ingredienti per la bagna cauda: 2 hg. di filetti d'acciuga, 1 capo d'aglio, olio d'oliva extravergine. 
Tritare finemente aglio e acciughe; quindi aggiungere olio e mettere su fuoco lento rimestando continuamente fino a cottura ultimata (circa 2 ore). 

Scorzanera all'acciuga
Scaldare le radici in acqua bollente, scolare e disporle in un'isalatiera. 
Condire con un pò di sale. 
Dissalare e diliscare le acciughe. Far scaldare gr. 80 d'olio d'oliva extravergine, quindi unire i filetti d'acciughe spezzettati e farli sciogliere. Unire ½ dei capperi tritati e ½ interi, 2 cucchiai d'aceto, fare bollire e spegnere. 
Con la salsa ottenuta condire le verdure e quindi servirla. Grappa alle radici
Lasciare macerare per due o tre mesi, pezzi di radice crude con grappa di buona qualità. Distillare l'infuso per capillarità. 
Aggiungere ad ogni litro di grappa un cucchiaio di miele per amalgamare il gusto. (Ricetta Ristorante Rumì di Crema).